Lo stupendo Arco di Augusto di Rimini

L'Arco di Augusto di Rimini.

Rimini non è solamente spiaggia spettacolare e mare da favola, ma qui ci sono altre cose da poter visitare come il meraviglioso Arco di Augusto: una vera opera d’arte. Lo abbiamo scoperto leggendo un articolo sul sito Comunerimini. Vediamo meglio di capire di cosa si tratta.

Quest’arco è il più antico che si può trovare in Italia settentrionale e delinea l’ingresso nella città per chi proviene dalla Flaminia, la via tracciata dal console Flaminio nel lontano 220 a.C., per creare un collegamento tra Roma e Rimini.

Sarebbe stato eretto nel 27 a.C. come porta onoraria ed esprime la volontà del Senato di celebrare Ottaviano Augusto così come è riportato sull’incisione che si può vedere sopra l’arcata. Si inseriva nella cinta muraria più antica dai quali lati si possono vedere i blocchi in pietra locale. Oggi è isolato grazie all’intervento di demolizione dei corpi adiacenti che è stato eseguito negli anni Trenta.

La costruzione originaria era sormontata da un attico che si doveva completare con una statua dell’imperatore a cavallo o su una quadriga. La sommità forse crollata per i terremoti nel Medioevo venne orlata con una merlatura e l’architettura è esaltata da un ricco apparato decorativo carico di significati politici: un’apertura talmente ampia da non potere essere chiusa ricordava la pace raggiunta dopo un lunghissimo periodo segnato da guerre civili.

Inoltre, l’arco e il ponte chiamato di Tiberio sono stati sempre assunti come simboli della città fin dal Medioevo e sono stati realizzati nell’ambito di un programma urbanistico che all’epoca dei fatti è stato promosso addirittura dalla figura di Augusto.

L’Arco di Augusto che si trova nella bellissima Rimini è da vedere almeno una volta nella nostra vita perché è a dir poco spettacolare e meraviglioso. Si tratta di una delle tante cose da visitare nella città.

Lo avete mai visto? Vi è piaciuto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *